Chi siamo

Di cosa si tratta

La manifestazione  nasce nel 1992 per iniziativa di un gruppo di insegnanti della locale Scuola Media (il Comitato Promotore) e dell’allora Direttrice della Biblioteca Comunale e prosegue tutt’oggi. Nel 2016 festeggia la XXV edizione.

Il progetto si rivolge agli studenti dai 12 ai 14 anni (dalla classe seconda della scuola secondaria di I grado  alla prima classe della scuola secondaria di II grado) e  si propone di appassionare i ragazzi alla lettura, di far scoprire lo straordinario piacere del leggere, di avvicinare il libro come un amico, un’avventura, una conquista.

L’iniziativa ha lo scopo di proclamare  un libro vincitore, votato a maggioranza da una giuria di studenti e individuato in una rosa di quattro libri tra quelli che vengono segnalati da librerie specializzate e che devono essere letti nell’arco di un mese.

Perché solo un mese

L’intento è quello di far scoprire il “piacere” del leggere attraverso la pratica della “voracità”, cioè di un rapporto con il libro non episodico ma frenetico, non casuale ma sistematico; quello che si vuole suggerire, insomma, non è  un atteggiamento paragonabile all’assaggiare (un po’ oggi, un po’ domani… dopodomani…chissà?), bensì al divorare (un bel po’ di pagine in unica dose).

Non è solo lettura

Il piacere della lettura può essere assaporato in solitudine, ma si amplifica e diventa ancora più grande se si arricchisce delle esperienze degli altri, se viene trasferito e condiviso.

E’ per questa ragione che ragazzi provenienti da scuole lontane vengono ospitati a Suzzara nelle giornate conclusive della manifestazione.

Per saperne di più

Partito come esperienza locale, si è allargato a scuole anche molto distanti (Veneto, Emilia Romagna, Calabria, Friuli, Piemonte, Sicilia e Canton Ticino).

Per i due anni della durata del Programma “Arianna” ha goduto del supporto dell’Unione Europea ed ha avuto compagni di viaggio ragazzi di scuole di Palau de Plegamans (Spagna), Brioude (Francia), Ebermanstadt e Laufen (Germania).

Fin dall’inizio si è appoggiato alla competenza di librerie specializzate nell’editoria per ragazzi,  tra cui ad esempio la storica Liberia per Ragazzi di Milano, quella di Anna Parola di Torino, la “Giannino Stoppani” di Bologna, e numerose altre di diverse regioni italiane.

Nel corso del tempo ha modificato la sua impostazione originaria aggiungendo iniziative (quiz, incontri con l’autore, ecc.), ma soprattutto allargando la proposta.

Sono nati così il “Concorsino” rivolto in modo specifico ai ragazzi delle classi quinte della scuola primaria e delle classi prime della scuola secondaria di I grado, e “Un libro per le mani” che coinvolge i bimbi dell’ultimo anno delle scuole dell’infanzia e le classi prime della scuola primaria.

Annunci